Carnevale di Putignano 2020: Cinque appuntamenti da non perdere

Il Carnevale è una festa molto amata da grandi e piccini che si divertono mascherandosi e trascorrendo allegramente questo periodo festoso e colorato dell’anno. In Puglia, una delle manifestazioni dedicate al Carnevale più famose è quella che si svolge a Putignano.

Origini della festa

Il Carnevale di Putignano nasce nel 1394 quando la Puglia era sotto l’invasione saracena. Si racconta che il 26 dicembre, giorno di Santo Stefano, i cittadini e i governatori della città, per proteggere le reliquie del Protomartire Santo Stefano, le spostarono dall’abbazia di Monopoli fino, appunto, a Putignano, città che per la sua posizione strategica sembrava adatta a conservare quel prezioso patrimonio. La leggenda vuole che i contadini impegnati nei campi nell’innesto delle viti con la tecnica della propaggine, vedendo passare la processione di persone intente a trasferire le reliquie del Santo, avessero abbandonato il loro lavoro nei campi per cantare e ballare versi satirici in dialetto.

Carnevale di Putignano

Le tradizioni

Da questa leggenda ha origine la Festa delle Propaggini che si tiene ogni 26 dicembre (data in cui inizia ufficialmente il Carnevale di Putignano) e che fa rivivere il ricordo del passato grazie a poeti dialettali, i propagginanti, che in abiti da contadini e con arnesi da lavoro si sfidano a suon di versi satirici in dialetto.

Altre date scandiscono l’arrivo del Carnevale: dal 17 gennaio (giorno di Sant’Antonio Abate), infatti, ogni giovedì viene rappresentata una storia di un gruppo sociale preciso. Si inizia con il gruppo dei Monsignori, poi quello dei Preti, delle Monache, dei Vedovi, dei Pazzi (i giovani non ancora sposati), delle Donne sposate ed, infine, l’ultimo giovedì viene messo in scena il “Giovedì dei Cornuti” a cura dell’Accademia delle Corna. Alle sei e mezza, nel Chiostro Comunale, i rappresentanti di questa Accademia, lucidano le proprie corna e fanno visita al “Gran Cornuto dell’anno”, scelto a sorpresa dagli altri membri dell’Accademia. In serata, in Piazza Plebiscito avviene la Cerimonia dell’Ammasso, in cui le corna vengono misurate e tagliate da abili parrucchieri.

Il 2 febbraio, giorno della Candelora, da una parte avvengono riti religiosi legati alla benedizione delle candele mentre dall’altra, c’è la Festa dell’Orso, una rappresentazione teatrale in cui l’orso viene visto sia come il nemico da cacciare ed uccidere sia come una presenza amica che simboleggia l’arrivo della bella stagione.

Il martedì grasso è il giorno dell’estrema unzione di Carnevale: figuranti vestiti da sacerdoti si occupano di mettere in atto questa scenetta allegra e divertente che culmina in serata quando, una processione funeraria per le vie della città, accompagna Carnevale ormai morto rappresentato da un maiale in cartapesta che simboleggia gli eccessi che devono cedere il posto ad uno stile di vita più moderato. Alla fine del funerale, il maiale viene bruciato lasciando soltanto cenere a simboleggiare l’arrivo della Quaresima.

Carnevale a Putignano

Programma della 626esima edizione del Carnevale di Putignano

Anche per quest’anno, il Carnevale di Putignano è segnato da eventi divertenti e coinvolgenti per grandi e piccini. Non solo le sfilate di carri allegorici ma anche concerti ed eventi dal vivo che allieteranno i tanti visitatori che giungeranno nella città per una delle manifestazioni culturali più famose della Puglia.

Uno dei momenti più goliardici e colorati di tutto il Carnevale di Putignano è rappresentato dalle sfilate di carri allegorici realizzati in cartapesta con gruppi mascherati e maschere ad accompagnare il passaggio dei carri. Per il 2020 il tema è “La terra vista dal Carnevale”, un argomento molto sentito e attuale alla luce dei cambiamenti climatici che stanno tanto devastando il nostro Pianeta. Infatti, questo vuole essere un invito a pensare ad un futuro sostenibile per le nuove generazioni e sensibilizzare sul tema dell’ecosostenibilità. I carri allegorici realizzati da esperti artigiani della cartapesta sono sette: “Madre terra l’ultimo paradiso terrestre”, “L’apocalisse”, “Kaosecoista”, “Casca la terra, tutti giù per terra!”, “L’ultimo giro di giostra”, “… di domani non v’è certezza” e “Codice rosso”.

carro allegorico Putignano

Eventi in programma

Prima sfilata dei carri allegorici, gruppi mascherati e maschere di carattere (domenica 9 febbraio): la parata si svolgerà alle ore 11.30 mentre alle 20.00 si terrà il concerto del batterista, cantautore e percussionista Tullio De Piscopo.

Seconda sfilata dei carri allegorici, gruppi mascherati e maschere di carattere (domenica 16 febbraio): la parata si svolgerà alle ore 11.30 mentre alle 20.00, il duo comico Toti & Tata farà divertire il pubblico a suon di risate.

Terza sfilata dei carri allegorici, gruppi mascherati e maschere di carattere (domenica 23 febbraio): la parata si svolgerà alle ore 15.00 mentre alle 20.00, il gruppo folk rock brasiliano Selton trascinerà il pubblico con le allegre e festose sonorità sudamericane.

Quarta sfilata dei carri allegorici, gruppi mascherati e maschere di carattere (martedì 25 febbraio): nella giornata del martedì grasso, la parata si svolgerà alle ore 18.00.

Grande festa della pentolaccia (sabato 29 febbraio): dopo la grande festa della pentolaccia che si terrà alle ore 19, un altro momento di grande musica sarà rappresentato dal concerto della cantante Donatella Rettore, alle ore 21.30.

Si ringrazia Fondazione Carnevale di Putignano per la preziosa collaborazione.

maschera di CarnevaleImage: 2020-03/banner-carnevale-di-putignano.jpg