10 cose da fare assolutamente nel Salento

Prima volta nel Salento? Ecco le 10 cose da fare assolutamente!

Progettate le vostre prossime vacanze nel Salento? Ecco per voi le 10 cose da fare durante il vostro soggiorno in questa penisola protesa nel Mediterraneo.

Difficile non innamorarsi del Salento. É capace di affascinarti ancora prima di visitarlo e sono tanti i posti presi d'assalto ogni anno, sia in estate che in inverno, da turisti italiani e stranieri provenienti da tutto il mondo. Il Salento è una terra molto ampia, talmente ricca di luoghi interessanti e paesaggi meravigliosi, che non sempre è facile riuscire a muoversi nel modo giusto, soprattutto quando si hanno a disposizione pochi giorni di vacanza da trascorrere al suo interno.

1 - Visitare il centro storico di Lecce

Centro storico Lecce

© Joan Nova. Tutti i diritti riservati.

Una città affascinante, ricca di storia e tradizione, caratterizzata da un centro storico bello come pochi al mondo. Un trionfo di decorazioni e costruzioni in stile barocco, realizzate con la raffinata pietra leccese, dorata e resistentissima. Il capolavoro della città è la Basilica di Santa Croce, simbolo del barocco leccese. Le strade sono sempre vive, con un'atmosfera molto amichevole piena di gente nei caffè e gruppi di amici che si godono un gelato o cibo di strada. Altro da vedere? Piazza Sant’Oronzo, il salotto elegante di Lecce, l’anfiteatro romano e il Palazzo del Seggio, o Sedile, sede di mostre d’arte ed esposizioni, insieme al Castello Carlo V. Il tutto immerso in un'atmosfera unica e suggestiva.

2 - Le nostre prelibatezze

pasticciotto leccese

© Qwerty Antonino. Tutti i diritti riservati.

Per la gioia dei golosi, che neppure in vacanza vogliono rinunciare ad un piccolo peccato di gola: il pasticciotto è un dolce tipico della zona, fatto di pasta frolla e farcito con crema pasticcera. Effettivamente, è questa l’originale e deliziosa ricetta del pasticciotto, anche se oggi si sono diffuse altre varianti che propongono il pasticciotto al gusto di crema al cioccolato, crema e nutella, o marmellata, fino ad arrivare al “pasticciotto Obama”. Quest’ultimo è stato inventato dalla pasticceria Cherì, di Campi Salentina, che per omaggiare il presidente degli Stati Uniti ha creato un pasticciotto con crema e ripieno al cioccolato. Certamente, sono molto famosi tutti i dolci a base di mandorla: dalle “paste secche” ai tipici mostaccioli, senza dimenticare la pasta di mandorla usata come glassa sulle torte o come ingrediente principale per l’agnello pasquale. Inoltre troviamo la puccia con le olive che è una delle prelibatezze del forno salentino. Una pagnotta soffice e fragrante, farcita con olive nere. Profumata e genuina, vi sorprenderà con un gusto unico, perfetta per un pasto veloce in spiaggia o per una gustosa merenda. La troverete in ogni forno della zona, anche in numerose varianti. Un goloso ricordo delle vostre vacanze!

3 - Otranto

otranto lungomare

© Eduard Marmet. Tutti i diritti riservati.

Dopo Lecce, dirigiamoci più a sud e giungiamo in zona Otranto: da queste parti sono tantissimi i luoghi da visitare. Iniziamo dai laghi Alimini, due specchi d’acqua a ridosso del mare circondati dal verde e a pochi passi da bellissime spiagge di sabbia finissima.

A seguire, merita una tappa il caratteristico laghetto di Bauxite, un luogo fuori dal mondo che saprà sorprendervi con i suoi colori surreali. Per finire, da non perdere assolutamente il faro di Punta Palascìa, ovvero il luogo più ad est d’Italia, arroccato su una costa rocciosa e frastagliata molto spettacolare.

E, dopo aver visitato i dintorni, non perdetevi il bellissimo borgo antico di Otranto: il porto, il castello e soprattutto la cattedrale, con i suoi spettacolari mosaici pavimentali bizantini, si imprimeranno in maniera indelebile nella vostra mente.

4 - Fare un bagno alle Maldive del Salento

maldive nel salento

© Marco Molino. Tutti i diritti riservati.

Una tappa obbligatoria per ogni turista che si rispetti, a Marina di Pescoluse troverete ad accogliervi una sabbia bianca finissima ed un mare limpido e cristallino. Caratteristiche che hanno fatto appunto guadagnare a questo magico posto, il paragone con la famosa località esotica, tanto rinomata proprio per la sua bellezza. si tratta di una spiaggia molto ampia, dove gli stabilimenti, seppur cresciuti negli ultimi anni, restano comunque pochi.

Questo significa che è possibile trascorrere delle giornate in questo spettacolo della natura, usufruendo tranquillamente della spiaggia libera, munendosi quindi di un semplice ombrellone, senza spendere nulla ed è dotata di un parcheggio molto grande, dove è possibile lasciare la propria auto anche tutta la giornata. Una visione vi assicuro, davvero suggestiva, immersa in un vero e proprio angolo di paradiso!

5 - Partecipare ad una sagra locale

sagre pugliesi

© Quatar da Wikipedia.Tutti i diritti riservati.

Ne vengono organizzate davvero tante: parliamo delle sagre locali che sono solitamente la celebrazione di una specialità salentina, prelibatezze locali, accompagnati da un trionfo di musica e tanto divertimento e inoltre troviamo, le feste popolari di paese, dedicate spesso al patrono. Dovete solo scegliere quella che più vi piace, c'è quella del pesce fritto, della frisa, della melanzana, della carne di cavallo, dell'anguria e tanto altro ancora. Non solo balli e canti popolari, in queste feste bucoliche avrete il piacere di assistere ad ogni genere di intrattenimento musicale e danzante. Tradizione antichissima, la luminaria che è simbolo per eccellenza delle feste popolari.

6 - Godersi il panorama dal ponte Ciolo

ponte ciolo gagliano del capo

© MySalentoTravel.Tutti i diritti riservati.

Scenografica località nel territorio di Gagliano del Capo, sul litorale di levante del Salento, il Ciolo prende il nome dalle "ciole", nome dialettale dei corvi che popolano il piccolo canyon volteggiando sul blu intenso del mare. Scavato nel corso dei millenni dalle acque meteoritiche, il Ciolo è attraversato da un ponte di circa 30 metri d'altezza e di fronte avrete un panorama da mozzare il fiato, che sovrasta la piccolissima spiaggia dove il mare è quasi sempre calmo e dove, in estate, si possono ammirare le piroette e le acrobazie dei tuffatori che scelgono le alte scogliere per le loro imprese.

7 - Visitare Santa Maria di Leuca: Finibus terrae

santa maria di Leuca

© Eduard Marmet.Tutti i diritti riservati.

Tra le città più belle del Salento, Santa Maria di Leuca è sicuramente da non perdere. Nell’ultimo lembo di Puglia solo il mare segna il confine dell’orizzonte. In estate, il mare color smeraldo brulica di vita e barchette bianche. Il litorale frastagliato corre da Punta Mèliso a Punta Rìstola: calette sabbiose, anfratti, grotte, piccole insenature disegnano la linea della costa Ionica e Adriatica che s’incontrano di fronte al faro di Punta Mèliso e il Santuario. Da qui avrete una visuale fantastica su tutta la costa e il porticciolo, davvero indimenticabile, soprattutto al tramonto. Sul promontorio di Santa maria di Leuca si scorgono ancora tracce d’insediamenti dell’età antica, antri magici e splendide ville ottocentesche. Dopo le rocce a picco sul mare troveremo Santa Cesarea Terme, la natura selvaggia di Castro e il porto di Tricase. Le grotte più famose? La Grotta del Diavolo, nei pressi di Punta Rìstola, la Grotta dei Giganti e quella del Presepe.

8 - Passeggiare nelle campagne salentine

campagne pugliesi

© Claudio Nichele (@jihan65 on Twitter). Tutti i diritti riservati.

Durante una vacanza nel Salento, vale la pena fare delle lunghe passeggiate nelle periferie dei paesi, tutti circondati da grandi spazi verdi, dominati dagli ulivi secolari dalle forme contorte, da vigneti, terra rossa e da piante tipiche della vegetazione mediterranea. Imperdibile una bella passeggiata rigenerante tra i diversi ricami di muretti a secco che inframmezzano una proprietà con un’altra e perchè no, fare un piccolo break o un pic-nic accompagnando il pasto con un buon vino novello rosso e delle prelibatezze tipiche della zona. La campagna è adatta anche per gli amanti del trekking ed escursionisti che hanno voglia di esplorare la zona, conoscere una parte di biodiversità salentina ed imbattersi in qualche masseria diroccata o trullo, se vi trovate nelle zone di Alberobello. Degli elementi tipici che da sempre rendono questo luogo molto affascinante e un po' selvaggio, coinvolgendo il visitatore attraverso bellezze naturali e suggestioni uniche.

9 - Ballare la pizzica

ballare la pizzica

Ⓒ Zeibalsero. Tutti i diritti riservati.

Il suono per eccellenza di queste terre, dal ritmo irresistibile e coinvolgente. Il Festival della Taranta è sicuramente l'evento salentino per eccellenza, che ogni anno, nel mese di agosto, vede molte piazze dei paesi salentini gremite di gente che balla a suon di tamburelli e chitarre. Il Festival della Taranta è un festival itinerante che si sviluppa all’interno di alcuni comuni salentini, quasi tutti appartenenti alla Grecìa Salentina. Paesi quali Martano, Sternatia, Cutrofiano, Galatina, fino a concludersi, come d’abitudine, con la celeberrima Notte della Taranta, a Melpignano è uno straordinario appuntamento folkloristico con la musica popolare che mira alla valorizzazione ed alla diffusione della cultura e delle tradizioni salentine. Potrete ballare la pizzica nelle varie feste che vengono organizzate in ogni angolo del Salento durante tutto il periodo estivo, lasciandovi trascinare da una vitalità unica, tipicamente salentina.

10 - Escursione in barca

grotte di leuca

Grotte di Leuca Googlisti. Tutti i diritti riservati.

Tra le cose da fare nel Salento sia che vi troviate sul versante Ionico, sia che siate su quello Adriatico, un giro in barca è sempre consigliatissimo, in quanto lungo la costa spesso ci sono delle cavità scavate dall’incessante azione delle onde e degli agenti atmosferici.
La costa del Salento è meravigliosa e variegata e spesso le piccole imbarcazioni consentono delle soste nei luoghi più belli per far fare il bagno in acque cristalline.

Intagliate nella costa rocciosa troverete una serie di grotte: la Grotta della Poesia, in località Roca Vecchia, fra San Foca e Torre dell’Orso. In prossimità di Porto Badisco, la Grotta dei Cervi,decorata con pittogrammi neolitici raffiguranti la caccia ai cervi. Verso Castro, la Grotta Azzurra le grotte Palombara e la Grotta Zinzulusa, fino alla grotta Romanelli distanti fra loro poche centinaia di metri. Fra Castro e Santa Maria di Leuca, la Grotta del Drago, nota per una stalattite a forma di mostro preistorico. Sempre verso sud, la Grotta delle Cipollane, con i fondali colorati dal corallo rosso.

Allora, vi abbiamo convinto a fare le valigie e trasferirvi qui per la vostra estate in Salento?

Image: 2018-08/banner-ponte-ciolo.jpg